;
Sei qui: Home
AddThis Social Bookmark Button

Carissime Concittadine e carissimi Concittadini, intendo porgervi i più fervidi Auguri di Buon Natale e di Felice Anno Nuovo.


Con questo, cari Cittadini, non voglio nascondermi dietro le carenze sistemiche e strutturali dell’ente , anzi, avrò anche io delle responsabilità, e pertanto intendo chiedere scusa laddove non siamo riusciti a soddisfare qualche esigenza o aspettativa, e a tutti quelli a cui non ho potuto dare una risposta ai loro problemi e alle loro vicissitudini. L’agenda di un Sindaco è fitta di richieste e piena di aspettative, ma delimitata da molti fattori economici e strutturali tanto da limitare di molto la propria autonomia di scelta o di movimento, ciononostante, abbiamo messo in campo tutte le nostre forze.

L’energia, e l’entusiasmo che abbiamo profuso in questi due anni di amministrazione è stata notevole; il lavoro svolto, i progetti, andranno dispiegando azioni concrete e i vuoti trovati saranno colmanti con il determinato impegno di tutti. Una sola cosa chiedo ai cittadini: di essere comprensivi e di non giudicare l’azione amministrativa per partito preso, o della risoluzione del problema sotto casa propria. Il Comune è di tutti i cittadini, indipendentemente dal colore, simpatie e opinioni.

La Crisi Economica Politica che sta attraversando l’Italia e di riflesso i Comuni, soprattutto i più piccoli come il nostro, ha, di fatto, cambiato se non addirittura stravolto i già esigui bilanci, appesantendoli con inaspettati tagli e inaccettabili tasse, inique e gravose, vedi IMU, paralizzando di fatto tutte le programmazioni atte al, seppur minimo, miglioramento dei servizi, siano essi sociali- assistenziali, per la scuola o per il lavoro.

Il nostro Ente ha dovuto “accantonare” ben 97 mila euro dal suo bilancio annuale per “riempire” il fondo di garanzia istituito con i Decreti “SALVA ITALIA” a fine ottobre, somma, che corrisponde al 25% dei <<Residui Attivi, pari a 377 mila euro >>, che il Comune “avanza” da tasse mai riscosse (Sogefil) negli anni 1999/2006, e che se non incassate, andranno a gravare ulteriormente, con conseguenze ancora più onerose, sul bilancio del 2013.

Ulteriori tagli statali di 67 mila euro, coincidenti con il calcolo di previsione dell’incasso dell’IMU, comunicatoci a inizio autunno, hanno  messo in ginocchio, il già pesante e complesso  bilancio  ereditato alla nostra elezione. Ricordo, e penso che abbia già segnato la mia memoria, con particolare angoscia e sconcerto, le frasi del Commissario Prefettizio alla consegna delle chiavi del Comune, poco dopo l’elezione a Sindaco;“Egregio Sindaco, Le consegno una casa crollata e senza mura, l’unico augurio che mi sento di farle è quello di non rivederci più ”, parole che oggi, dopo l’entusiasmo iniziale, io e la mia amministrazione sentono come pesi sulle spalle, nonostante ciò, convinti di potercela ancora fare.

Aver inviato ben cinque ruoli, 2007,2008,2009,2010,2011, in due anni e mezzo di governo, “dimenticati” dalle precedenti amministrazioni, rende comprensibile la disapprovazione dei cittadini, ma tali dolorose e necessarie scelte, andavano fatte per il bene e la tutela dell’ente verso i creditori dei servizi erogati, Sorical (acqua) e Tarsu (rifiuti), ecc.

E’ chiaro che l’azione amministrativa non possa raccogliere un unanime consenso; ma deve essere altrettanto chiaro che noi lavoriamo tutto il giorno per tentare di mitigare il disagio che la crisi attuale ha amplificato: penso a tutti gli sforzi per il problema della casa, del lavoro, del miglioramento dei servizi, della viabilità, ecc. Il percorso sarà lungo e impervio, ma son sicuro che con l’aiuto di una cittadinanza attiva e responsabile ce la faremo a realizzare un paese migliore.

Ed è proprio in quest’ottica di sguardo fiducioso al domani che mi auguro che il Natale, con il suo significato più vero, possa dare a tutti la gioia di vivere, la gioia di guardare al futuro, il piacere e la serenità di incamminarsi verso il nuovo anno.

Auguri a tutte le donne e agli uomini che compongono la nostra comunità e che si adoperano per migliorarla, a coloro che sono in difficoltà, a quelli che vivono in solitudine, ai nostri ragazzi che desiderano una prospettiva all’altezza delle loro aspirazioni.Visto il periodo di contrazione economica sarebbe stato ingiusto ed offensivo impiegare risorse per organizzare eventi e addobbi per il nuovo anno.

Non sarà l’assenza di questi a far venir meno il senso di fratellanza di noi tutti e la voglia di abbracciarsi per augurarsi un sereno anno nuovo.

Vorrei ringraziare l’intero Consiglio, la Giunta, il Segretario Comunale, il personale del comune per la costante vicinanza alla Casa Comunale e alla mia persona, per come hanno saputo indicarmi la giusta via ogni qual volta ne abbia avuto bisogno.

Ringrazio Il Prefetto Cannizzaro, tenendo a sottolineare in questa occasione, non solo la sua perizia nella affermazione della sicurezza e della legalità nel nostro territorio, ma soprattutto per il lato umano, che non è nascosto dall’alto prestigio della carica,  dove spesso trovo il conforto quando mi imbatto nelle difficoltà quotidiane.Quelle difficoltà che spesso ostacolano la celere risoluzione dei problemi, tanti, che riguardano Cerzeto e il suo comprensorio.

Ringrazio Sua Eccellenza il Vescovo della Diocesi di San Marco-Scalea, Mons. Bonanno, che si sta adoperando con sincero attaccamento verso questa comunità, per affrontare insieme il sogno di una nuova chiesa a Cavallerizzo, aiutare ad aprire la parrocchia ancora chiusa di San Giacomo, risolvere le ultime criticità rimaste.

Grazie di cuore ai nostri Sacerdoti, don Antonio Baffa, Padre Babi e alla nuova guida spirituale di Cavallerizzo, don Pietro, che con azioni quotidiane e parole, uniscono, appianano ed elevano la nostra fede e speranza.

Ringrazio, infine, tutte le Forze dell’Ordine, le Istituzioni pubbliche e private, scuole, associazioni, gruppi, che si sono relazionati con noi con atteggiamento collaborativo e costruttivo, per aver messo a disposizione risorse e intelligenze capendo il momento di difficoltà che l’Ente sta attraversando. L’unità di obiettivo e l’amore per le comunità governate debbono superare ogni steccato ideologico o campanilistico. Il Comune, lo voglio sottolineare , è aperto ad ogni forma di collaborazione con sincera passione e generosità. Esso deve essere un luogo capace di avvicinare tutti, luogo di fiducia per chi ha bisogno, solidale verso le numerose famiglie e cittadini in disagio a causa del presente periodo di crisi.

Il Comune che guido sta tentando, con i sentimenti sinceri e con l’intelligenza operativa tipica dei giovani che fanno parte della mia squadra, di agire con efficacia sostanziando i valori di democrazia e solidarietà; e ciò nella speranza che la valorizzazione dei giovani, esorti e stimoli altri giovani a continuare con determinazione e perseveranza il loro lavoro, i loro studi, le loro vocazioni.

Le vacanze di Natale e di fine anno sono attese anche per godere un po’ di riposo nella serenità delle relazioni familiari, all’interno delle quali la riunione degli individui non è somma, ma sintesi: vi è il nonno, padre, il figlio, il passato, il presente, il futuro, vi è insomma il disegno della Famiglia come sintesi di Auguri e Serenità; auguro a tutti di trascorrere questo breve periodo in pace e con l’attenzione vigile al bisogno degli altri meno fortunati di noi.

Se riusciremo a fortificare i nostri sentimenti ed i nostri pensieri, potremmo essere certi che la ripresa del lavoro, con il nuovo anno, ci renderà più buoni e più forti per il vantaggio di tutti. Perché, per cambiare il mondo, è molto più importante essere degli uomini buoni che degli uomini grandi.

Formulo a tutti, infine, l'augurio che la BELLEZZA del Santo NATALE possa accompagnarci lungo tutto il corso del nuovo anno e della nostra vita guidandoci nelle avversità , rendendoci più forti e saggi.

 

albero

Il Sindaco e l’Amministrazione Comunale di Cerzeto augurano alla cittadinanza un sereno Natale e felice Anno Nuovo 2013


Il Sindaco        

Arch. Giuseppe Rizzo

 

Gentile utente, nota che il sito fa uso di cookie per migliorare la vostra esperienza d'uso. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.