Seguici su:

Esplora contenuti correlati

Storia del comune di Cerzeto

Lemigrazione albanese in Italia avvenuta in un arco di tempo che abbraccia 3 secoli, dalla met del XV secolo alla met del secolo XVIII.
Questa emigrazione si comp a ondate, ma la maggior parte delle colonie albanesi furono fondate dopo il 1468, lanno della morte delleroe nazionale, Giorgio Castriota Skanderbeg. La migrazione continu a pi riprese nel corso dei secoli successivi, fino al 1744, data della fondazione dellultima colonia albanese, Villa Badessa.
Nel XV secolo, prima e dopo linvasione ottomana e la caduta della citt di Scutari nel 1479, si sono registrati passaggi di gruppi consistenti di albanesi a Venezia, dove formarono una colonia, e nei territori della Serenissima. Gli emigrati albanesi trovarono in queste nuove terre un ambiente culturale favorevole che permise loro di esprimere un importante e originale contributo di opere e di idee nellambito del Rinascimento europeo.
Dai documenti pervenuti si sa inoltre che passaggi di gruppi sporadici di albanesi in Italia hanno avuto luogo anche prima dellinvasione ottomana, precisamente nel 1272, nel 1388 e nel 1393. Altri nuclei si erano stanziati principalmente in Puglia, ma anche in Calabria e Sicilia, nei feudi che i condottieri albanesi avevano ottenuto dal re di Napoli, Alfonso I dAragona, in cambio dellaiuto militare che gli avevano prestato durante le continue lotte contro i baroni locali.
Molti autorevoli studiosi ritengono che i profughi albanesi furono accolti dai principi Sanseverino nei loro possedimenti e utilizzati per ripopolare i centri abitati spopolati e per rivitalizzare le attivit agricole nellarea.
Gli albanesi in Italia fondarono e ripopolarono quasi un centinaio di comunit, la maggior parte delle quali concentrate in Calabria. Qui gli immigrati albanesi costituirono colonie di contadini e soldati alle quali venne data piena autonomia amministrativa; fu loro concesso di fondare o ripopolare nuovi villaggi.
Prima dellarrivo degli Albanesi, il territorio di Cerzeto apparteneva ai principi Sanseverino di Bisignano.
Sul territorio ove sorge lattuale abitato di Cerzeto molto probabilmente cera gi un antico insediamento, dedito allagricoltura e alla pastorizia, che purtroppo fu decimato dallo spopolamento che nel XV secolo colp la Calabria e in particolar modo la Media Valle del Crati, a seguito di disastrosi terremoti, di carestie e di pestilenze. In merito, si ha notizia di una chiesa di S. Nicola della seconda met del XIII secolo, che ricadeva allora nell' arcipretura di Torano.
In prossimit dellabitato di Cerzeto sono stati trovati numerosi reperti che segnalano un antico insediamento di epoca magno greca e romana.
Vincenzo Padula riferisce nella sua opera Calabria prima e dopo lunit che nel 1867 alcuni braccianti che lavoravano nella localit Rahj i Kroi Vonat, a valle dellabitato, trovarono ruderi di antiche fabbriche, e ciarre e piatti e vasi di forma antichissima.
Della frazione San Giacomo esiste qualche riferimento storico gi agli inizi del mille sotto il nome di Sancto Jacopo e della frazione Cavallerizzo nel XIII secolo, con la presenza della chiesa di S. Giorgio.
Il toponimo Qana deriva probabilmente dallalbanese qan = pialla, che richiama la conformazione orografica pianeggiante del sito; il toponimo italiano Cerzeto, a sua volta, deriva da cerza/quercia e richiama la presenza prevalente di querceti nel sito.
In base ai fuochi rilevati nel 1543 (Cerzeto 36, Cavallerizzo 17 e S. Giacomo 23), la consistenza demografica complessiva intorno alla met del  Cinquecento doveva attestarsi su una popolazione residente di circa 400 abitanti.
Cerzeto fu suffeudo della baronia di S. Marco, dei Cavalcanti di Torano e degli Spinelli di  Fuscaldo.Nel 1807, con la legge francese del 19 gennaio, fu considerato Luogo ossia Universit, mentre successivamente con legge del 4 maggio 1811 divenne frazione di Cavallerizzo; con legge del 1 maggio 1816 divenne Comune e capoluogo del Circondario comprendente i Comuni di Cerzeto con le frazioni Cavallerizzo e San Giacomo.
torna all'inizio del contenuto